Contraccezione ormonale e vaccinazione? Sì può fare

Riceviamo molte domande da parte di donne che pensano di dover sospendere la contraccezione ormonale in vista del vaccino, e addirittura anche segnalazioni del fatto che è stato loro indicato di farlo da parte del/la ginecologo/a.

I nostri consultori si attengono a quanto indicato dalle Società scientifiche di settore (Sigo, Aogoi, Agui), che affermano che non vi sono controindicazioni alla vaccinazione delle donne che assumono contraccettivi estroprogestinici o che utilizzano la terapia ormonale sostitutiva.

La Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo), l’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi) e l’Associazione Ginecologi Universitari Italiani (Agui) hanno preso posizione sulla vaccinazione anti-Covid19 e il (presunto) rischio trombotico nelle donne, condividendo un position paper ad interim sulla base delle conoscenze attuali. Il documento è datato 22 marzo 2021 e non è stato successivamente aggiornato:

https://www.aogoi.it/media/7702/comunicato-sigo-aogoi-agui-22-marzo-2021-min.pdf

Vista la confusione generale, AOGOI (Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani) ha scritto una lettera a Quotidianosanità.it in cui invita a non cessare l’assunzione del farmaco che previene una gravidanza. “Come è noto il rischio di base di una complicanza tromboembolica nella popolazione femminile generale è di 2 su 10.000 e diventa circa 5 su 10.000 nelle donne che assumono la pillola estroprogestinica con una leggera variabilità in base al tipo di ormone contenuto. Ovviamente si tratta di un rischio significativamente inferiore a quello che si corre in gravidanza (circa 10 volte di più rispetto alla pillola) e dopo un intervento chirurgico o una immobilizzazione di un arto per frattura oltre a tutta una serie di altri fattori di rischio tra i quali l’obesità e il fumo”. AOGOI sottolinea anche che quelle associate alla contraccezione ormonale e quelle associate al vaccino sono “due complicanze trombotiche, seppur eccezionali, di natura completamente diversa”:

http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=95855

Via libera anche dal sito della Fondazione Veronesi che specifica che “fatte salve le raccomandazioni del Ministero ad un uso preferenziale dei vaccini AstraZeneca e J&J dopo i 60 anni, al momento non esistono gruppi di persone ad accertato rischio aumentato di sviluppo di questi eventi avversi [trombosi]”:

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/cardiologia/vaccini-covid-19-e-trombosi-domande-e-risposte#section-9

Non esistono controindicazioni per le giovani donne che usano anticoncezionali con solo progestinico e neppure per quelle che, come da indicazioni AIFA (Agenzia del farmaco italiana) e EMA (Agenzia del farmaco europea), effettuano la vaccinazione con Pfizer e Moderna.

Data del post: 20/06/2021.

Immagine: 'Concept of protection against viruses through vaccinationConcept of protection against viruses through vaccination
Found on flickrcc.net

Se dimentico di prendere la pillola anticoncezionale e altre domande frequenti

 Abbiamo raccolto qui le risposte alle vostre domande più frequenti

HO DIMENTICATO DI PRENDERE LA PILLOLA, CHE COSA DEVO FARE?

1) Se hai dimenticato la pillola nella prima settimana

Passate circa 12 ore di tolleranza nel ritardo, è bene assumerne una appena possibile per ridurre il più possibile il potenziale rischio di gravidanza poi continuare regolarmente.

Quindi ad esempio: martedì alle 21 la dimentico, la prendo alle 15 di mercoledì e poi poi alle 9 di mercoledì prendo quella del mercoledì. Oppure: martedì alle 21 la dimentico, mercoledì alle 21 mi accorgo che non ho preso quella del martedì e ne prendo due.

Dal giorno seguente si potrà riprendere la solita routine oraria badando bene a non dimenticarsela più! Questo il metodo da seguire. ATTENZIONE: il potere contraccettivo della pillola potrebbe essere diminuito e si dovrà ricorrere all’uso del preservativo se si intende avere rapporti sessuali. Per maggior sicurezza nei cinque giorni successivi la dimenticanza adottate il profilattico o astenetevi dall’avere rapporti sessuali, specialmente se dopo qualche giorno si sono presentate perdite ematiche, che indicano che il corpo ha percepito la carenza ormonale.

2) Se hai dimenticato la pillola nella seconda settimana

Prendere la pillola appena possibile (come spiegazione in rosso, sopra) e tornare dal giorno seguente al solito orario. In questo caso non è necessario ricorrere all’astinenza dai rapporti sessuali o all’impiego del preservativo.

3) Se hai dimenticato la pillola nella terza settimana

La terza settimana comprende le pillole dalla numero 15 alla numero 21 della confezione. Il rischio di gravidanza c’è e quello che si deve fare è proseguire nell’assunzione delle successive compresse rimaste per poi passare alla scatola seguente senza la solita pausa tra una e l’altra.

QUANDO SI COMINCIA A PRENDERE LA PILLOLA?

La pillola va iniziata il primo giorno del ciclo mestruale e va presa per 21 giorni consecutivi. Iniziare qualche giorno dopo compromette la sicurezza contraccettiva e sarà necessario utilizzare un metodo barriera per tutta la durata del blister.

PRENDERE DUE PILLOLE DI SEGUITO FA MALE?

La dose doppia non è un problema e mette al sicuro da una gravidanza indesiderata nella maggior parte dei casi.

CONSIGLI PER ERRORI NELL’ASSUNZIONE DELLA PILLOLA

– se spesso vi dimenticate la pillola è consigliato un cambiamento della via di somministrazione usando un mezzo che non necessita una regolarità di assunzione ANELLO – CEROTTO – IMPIANTO sottocutaneo – SPIRALE MEDICATA (IUD)

– è buona regola fissare un preciso orario per la pillola quotidiana e non variare tra mattina e pomeriggio perchè è più facile sbagliare. meglio il mattino … AVETE TUTTA LA GIORNATA DAVANTI PER RICORDARVI

IN CASO DI DIMENTICANZA, DI QUANTE ORE POSSO RITARDARE?

In caso di dimenticanza, la tolleranza è di poche ore: non oltre circa 12 ore per la precisione. Se hai scelto di prendere la compressa ogni giorno alle 9 dopo colazione, avrai tempo fino alle ore 21 per recuperare e prenderla subito. Dal giorno seguente la dimenticanza è bene poi tornare all’orario prefissato

NON HO COMINCIATO IL BLISTER NEL GIORNO INDICATO

Dopo i 7 giorni di pausa (nelle pillole che la prevedono) dimentichi di prendere la prima pillola del blister e la prendi uno o più giorni dopo: anche un solo giorno di ritardo può compromettere la sicurezza, meglio coprire i rapporti durante questo blister.

(DOPO UN PERIODO DI INTERRUZIONE) Ho iniziato a prendere la pillola credendo che fosse venuto il ciclo ma in realtà no. Sono protetta lo stesso?

Non sei protetta x i primi 10 giorni

DOPO LA SETTIMANA DI PAUSA: ho ripreso la pillola del nuovo blister con un giorno di anticipo che succede?

Stai tranquilla, l’unica cosa che cambierà sarà il giorno di inizio del prossimo blister.

HO CONTINUATO AD ASSUMERE LA PILLOLA ANCHE DURANTE IL PERIODO DI SOSPENSIONE DI 7 GIORNI. È un problema?

Continuare la pillola nei sette giorni di pausa non è un problema, l’importante è non dimenticarla. La pausa successiva può essere fatta al termine della confezione in uso.

SONO PROTETTA ANCHE DURANTE LA SETTIMANA DI SOSPENSIONE?

Sì, se ricominci ad regolarmente regolarmente la pillola iniziando il nuovo blister. No, se non fai.

QUANDO INIZIARE IL NUOVO BLISTER DOPO I 7 GIORNI DI SOSPENSIONE (IL 7° O L’8° GIORNO)

Le pillole da 21 giorni prevedono 7 giorni di sospensione completi, se si prende l’ultima pillola di lunedì si ricomincerà il martedì della settimana successiva

HO PRESO LA PILLOLA REGOLARMENTE MA NON MI E’ VENUTO IL CICLO

E’ molto comune. Il “lavoro” della pillola è quello di sospendere l’ovulazione. Se hai preso la pillola regolarmente puoi stare tranquilla, il fatto che non si presentino le mestruazione non vuol dire che sei incinta.

HO DELLE PERDITE DI SANGUE DURANTE L’ASSUNZIONE

Alcune pillole potrebbero dare perdite ematiche scarse e scure durante l’assunzione perché hanno un contenuto ormonale più basso delle altre. Se avete preso la pillola regolamente, continuate senza nessun problema sarete protette ugualmente. Se invece avete fatto errori di assunzione dovete usate il preservativo.

HO SMESSO DI PRENDERE LA PILLOLA OLTRE UN MESE MA IL CICLO NON È REGOLARE

La mestruazione immediatamente successiva all’ultimo blister è ancora quella generata dalla pillola quindi ha le caratteristiche del ciclo sotto pillola.  il ritorno alla regolarità è soggettivo e dipende dalle ovaie. Ci vogliono in media tre mesi.

DEVO CAMBIARE PILLOLA, come faccio nel passaggio da una all’altra?

E’ preferibile iniziare la nuova scatola dopo l’ultima pillola attiva del tipo che stia già usando (saltando eventualmente le pillole placebo). In ogni caso anche l’altra modalità è valida, cioè quella di terminare la confezione incluse le pillole placebo (se presenti). in questo caso proteggi i rapporti anche con preservativo nei primi 10/15 giorni di assunzione.

Queste indicazioni valgono quando si passa da una pillola con certo dosaggio ad una pillola con un dosaggio più basso o formulata diversamente (per esempio da una con 21 pillole tutte uguali ad una con 3 dosaggi diversi).

POSSO POSTICIPARE IL CICLO?

Bisogna precisare che la pillola anti-concezionale sospende l’ovulazione e quindi le perdite di sangue che si presentano nella settimana di sospensione o durante l’assunzione delle pillole placebo (che non contengono il principio attivo) non sono una mestruazione propriamente intesa. Vi è sì lo sfaldamento dell’endometrio (dovuto al fatto che hai sospeso l’assunzione del principio attivo) ma non l’espulsione dell’ovulo.

Se non vuoi avere la “mestruazione” nella settimana di pausa (per le pillole che la prevedono), puoi usare la pillola per due mesi consecutivi. In particolare:

  • pillola da 21 confetti: cominci subito, senza settimana di pausa
  • pillola da 24 confetti: cominci subito, senza settimana di pausa
  • pillola da 28 confetti: non prendi le ultime 4 (pillole placebo, cioè che non contengono il principio attivo) e ricominci il nuovo blister

IL CICLO MI E’ ARRIVATO IN ANTICIPO, COSA SIGNIFICA?

Se la pillola è stata presa correttamente non è il ciclo, ma si tratta di perdite ematiche che possono dipendere da questi fattori:

  • se non mantieni precisamente gli orari di assunzione
  • se prendi farmaci che riducono l’effetto contraccettivo (es. antibiotici)
  • se la dimentichi
  • se prendi farmaci anti-infiammatori e anti-dolorifici che non riducono l’effetto contraccettivo ma fluidificano il sangue
  • se hai avuto forte diarrea o numerosi episodi di vomito

HO PERDITE ANCHE FUORI DAL CICLO

Una perdita ematica sporadica può capitare, ma se le perdite sono continuative consigliamo  di consultare un medico perché forse a te serve una pillola con dosaggio ormonale diverso o perché potrebbe essere meglio che tu non la prenda

TEST DI GRAVIDANZA: dopo quanti giorni si può fare?

  • esame del sangue per le beta-HCG: dopo 8-10 giorni dall’ultimo rapporto non protetto
  • test delle urine: dopo 15-20 giorni dall’ultimo rapporto a rischio

ESAME DEL SANGUE PER BETA-HCG: si paga?

Si effettua negli ambulatori di analisi. Se non lo vuoi pagare, ti serve la richiesta del medico di base che ti esenta dal pagamento del ticket. Altrimenti costa circa 60 €

IN CASO DI VOMITO O DISSENTERIA

Un episodio di vomito o dissenteria non interferisce con l’efficacia contraccettiva. Se gli episodi sono più severi, consultare il medico

Scheda informativa a cura della redazione

Attenzione!

👉DOMANDE FREQUENTI. Se hai domande sull'assunzione della pillola, consulta questa pagina dove abbiamo raccolto le vostre domande più frequenti.

👉DOMANDE URGENTI. Ai commenti non rispondiamo in giornata. Per le domande urgenti, quindi, ti consigliamo di telefonare ai nostri centri in orario di apertura.

CONTATTI E ORARI DI APERTURA DEI NOSTRI CONSULTORI

 


AIED BERGAMO

Via A. Maj, 16 (adiacenze stazione) – Bergamo
Tel. 035 232600 – cellulare: 3293305976 
Orari: dal lunedì al giovedì 9.00- 13.00 ; 15.00 – 19.00; Venerdì e sabato 9.00 – 12.00

 


CED (Milano)

Via Amedei 13, 20123 Milano– Tel. 02/8690078 – 02/8057835. Numero per consulenze telefoniche urgenti negli orari di chiusura: 366 2053315
ced@cedassociazione.it
Lunedì dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 19,
Martedì Mercoledì Giovedì e Venerdì dalle
9 alle 19
Sabato mattina chiuso


CPD (Milano)

Via Silvio Pellico 6, Milano. Tel. 02861145 
info@cpdonna.it
Aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 19 con orario continuato
 
 
 

Anello vaginale contraccettivo come funziona. Le vostre domande più frequenti

  • Devo iniziare ad usarlo: quando lo inserisco?

Il primo giorno di mestruazioni

  • Quando devo toglierlo e quando devo rimetterlo?

L’anello deve rimanere inserito in vagina per 3 settimane. 

Dopo 3 settimane deve essere rimosso: lo stesso giorno e possibilmente la stessa ora della settimana in cui è stato inserito. Poi occorre fare un intervallo di una settimana, durante questa settimana si manifesta il sanguinamento (dopo circa 3/4 giorni).

Si inizia con il nuovo anello dopo una settimana esatta di intervallo (di nuovo lo stesso giorno della settimana e la stessa ora circa) anche se le perdite di sangue non sono terminate.

Esempio: anello inserito per la prima volta di giovedì ore 22 deve essere rimosso il giovedì alle 22 di 3 settimane dopo e reinserito il giovedì alle 22 di un’altra settimana dopo. Quindi la sua modalità d’uso è corretta.

  • Devo metterlo quando arrivano le prime macchioline di sangue scuro oppure il primo giorno di ciclo abbondante? 

Per giorno si intendono 24 ore quindi si può aspettare quando il ciclo sarà veramente avviato

  • Se lo metto il secondo giorno, è comunque efficace?

Meglio non aspettare.

  • Ho tolto l’anello qualche giorno dopo la data abituale, ma comunque entro le 4 settimane. L’ho rimesso 7 giorni dopo averlo tolto. Sono protetta?

Se la sospensione dell’anello è stata ritardata, e non anticipata, la copertura contraccettiva dovrebbe rimanere inalterata

  • Posso inserirlo prima dei 7 giorni di pausa?

Sì, poi si calcolano tre settimane a partire dal giorno in cui si inserisce.

  • Ho inserito l’anello con un ritardo di 10 ore dopo l’intervallo di tempo senza anello, devo comunque rimuoverlo il giorno che avevo scelto inizialmente ?

Per sicurezza potrebbe essere rimosso un giorno dopo mantenendo poi quel giorno come riferimento per toglierlo e reinserirlo.

  • Se dimentico di rimetterlo il settimo giorno dopo averlo tolto cosa succede?

Devi attendere la mestruazione seguente.

  • Se dimentico di toglierlo 

se vi dimenticate di toglierlo dopo 7 giorni potete lasciarlo in vagina fino alla comparsa delle mestruazioni e reinserirlo subito dopo aver tolto il precedente,siete protette ugualmente.

  • Se l’ho inserito il secondo giorno di mestruazione, quando dovrò poi re-inserirlo?

Non è sicuro x i primi 10 giorni e dopo 3 settimane devi sospenderlo come al solito e rimetterlo dopo 7 giorni

  • Se tolgo l’anello e consumo subito il rapporto (quindi entro le 3 ore di copertura) ma successivamente dimentico di rimetterlo fino al giorno dopo, incorro in una gravidanza? 

Il rischio di gravidanza c’è perché è mancata la copertura nelle ore successive al rapporto perciò non possiamo essere certe che non sia partita una ovulazione.

Consigliamo di continuare ad usare l’anello correttamente e di fare un test di gravidanza dopo circa 20 giorni dal rapporto a rischio.

  • Queste regole sono uguali per tutte le marche?

Sì.

  • Soffro di candidosi cronica: è adatto a me?

Non ci sono problemi.

  • Soffro di cistite recidivante: è adatto a me?

Non ci sono differenze. Non ci sono interferenze con uso di farmaci.

La pillola del giorno dopo

La vendita della pillola del giorno dopo in farmacia senza ricetta è stata autorizzata anche per le minorenni. Lo comunica l’Agenzia italiana del farmaco con un comunicato del 10 ottobre 2020 che riportiamo integralmente.

Non sarà più necessario l’obbligo della prescrizione medica per dispensare alle minorenni ulipistral acetato (EllaOne), il farmaco utilizzato per la contraccezione di emergenza fino a cinque giorni dopo il rapporto. Lo ha stabilito l’Agenzia Italiana del Farmaco con la Determina n. 998 dello scorso 8 ottobre. 

«Si tratta di uno strumento altamente efficace per la contraccezione d’emergenza per le giovani che abbiano avuto un rapporto non protetto, entro i cinque giorni dal rapporto, – afferma il Direttore Generale di AIFA, Nicola Magrini – ed è anche, a mio avviso, uno strumento etico in quanto consente di evitare i momenti critici che di solito sono a carico solo delle ragazze. Voglio sottolineare che si tratta di contraccezione di emergenza e che non è un farmaco da utilizzare regolarmente». 

«Al momento dell’acquisto in farmacia – aggiunge Magrini – il farmaco sarà accompagnato da un foglio informativo che ha lo scopo di promuovere una contraccezione informata ed efficace ed evitare un uso inappropriato della contraccezione di emergenza. In questa ottica, AIFA svilupperà presto un sito ad hoc, con informazioni e indicazioni approfondite sulla contraccezione. La contraccezione, infatti, di cui la pillola anticoncezionale rappresenta una possibile opzione, consente a tutte le donne di programmare una gravidanza e, più in generale, la propria vita. Ricordo infine – conclude il Direttore Generale di AIFA – che il farmaco è dal 2017 nella lista dei farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per questa indicazione, come parte dei programmi di accesso ai farmaci contraccettivi, e che le gravidanze nelle teenager sono un importante indicatore di sviluppo di una società, che va tenuto ai minimi livelli». 

Si tratta di una svolta per la tutela della salute fisica e psicologica delle adolescenti. La maggior parte delle gravidanze adolescenziali, infatti, non sono pianificate e molte terminano con un aborto. L’evento nascita nelle adolescenti si accompagna spesso a situazioni di rischio, connesse sia alla difficoltà della giovane madre di accedere ai servizi materno-infantili, sia a una serie di problematiche di notevole portata sul piano interpersonale e psicologico: le madri adolescenti, infatti, hanno non solo meno probabilità di portare a termine gli studi e di conseguenza una minore possibilità di occupazione e di futuro inserimento nel mondo del lavoro, ma anche maggiori probabilità di crescere i propri figli da sole e in povertà. La gravidanza adolescenziale, inoltre, è associata a un più elevato rischio di morbosità/mortalità perinatale. 

Infatti, come evidenziato nel giugno 2020 nella Relazione al Parlamento del Ministro della Salute, secondo i dati 2018, «l’aumento dell’uso della contraccezione d’emergenza – levonorgestrel (Norlevo), la “pillola del giorno dopo”, e ulipistral acetato (EllaOne), la “pillola dei 5 giorni dopo” – ha inciso positivamente sulla riduzione delle interruzioni volontarie di gravidanza (IVG), che è in continua e progressiva diminuzione dal 1983». Eliminare l’obbligo di ricetta per la contraccezione di emergenza per le minorenni intende favorire, dunque, il raggiungimento dell’ambiziosa meta della riduzione del tasso di concepimento sotto i 18 anni nel quadro di miglioramento, in particolare, della salute sessuale delle adolescenti e, più in generale, della salute pubblica.

Il diaframma, un metodo sicuro ma poco conosciuto

Diaframma: perché è sicuro, come funziona, come usarlo, manutenzione, vantaggi e svantaggi.

Poco diffuso, ma non per colpa sua!

Molte persone storcono la faccia quando si parla del diaframma. “E’ un pasticcio…E’ una noia…Non funziona mai…” Questo disprezzo è un po’ ridicolo poiché nel 1880, quando fu inventato, il diaframma era il principale mezzo per la liberazione delle donne da gravidanze non volute.

Fino agli anni cinquanta, quando si cominciò a parlare della pillola contraccettivae l’uso della spirale intrauterina (ossia lo IUD messo a punto nel ‘900) conobbe una certa diffusione, il diaframma era la precauzione più sicura a disposizione delle donne e a quell’epoca un terzo delle coppie americane lo usavano per il controllo delle nascite. Molte delle nostre madri lo usarono per trent’anni senza fare errori. Se poi l’uso del diaframma fosse sempre gradito è un’altra questione.

Oggi i sentimenti più positivi nei confronti della nostra sessualità e la crescente capacità di comunicare apertamente con gli uomini con i quali abbiamo rapporti sessuali ci mettono in grado di usare più facilmente il diaframma.

Se state per iniziare una relazione forse potete non desiderare di aggiungere immediatamente un diaframma alla vostra vita sessuale, ma dopo alcuni mesi, quando sarete più sciolte, potreste essere contente di abbandonare la pillola o la spirale intrauterina per un metodo che è efficace, se lo usate bene, e che non ha nessun effetto collaterale.

Se l’uso del diaframma non si è diffuso la ragione risiede nella scarsa conoscenza di questo metodo e nel fatto che non viene incentivato. Decidere di usare il diaframma richiede di rivolgersi al medico o al personale paramedico per sceglierne uno della misura giusta e per ricevere istruzioni per un uso corretto (come inserirlo e come toglierlo).

Speso i ginecologi non se la sentono di spendere del tempo per questo; inoltre molto spesso ritengono che pillola o IUD siano preferibili e che armeggiare col diaframma ad ogni rapporto sessuale sia una “seccatura”, alcuni poi lo ritengono un metodo “antiquato” (talvolta il medico trasferisce sui metodi contraccettivi i propri vissuti e le proprie impressioni circa la sessualità).

Un’altra ragione della scarsa diffusione del diaframma è che il mercato della contraccezione non è molto interessato a questo metodo.

Come acquistare il diaframma

La misura del diaframma dipende dalla profondità della vagina.

Attualmente in Italia è disponibile presso le farmacie un diaframma a misura unica con una speciale forma anatomica che si adatta a quasi tutte le donne, in particolare a quelle con una misura dai 65 agli 80 millimetri.

Consigliamo comunque di rivolgersi ad un medico che ne conosca l’uso o meglio ancora ad un consultorio per accertarvi che la misura sia compresa tra i 65 e gli 80 mm e  per poter provare a metterlo e toglierlo da sole così che, se avete dei problemi durante queste prove, il medico o il personale paramedico vi potrà aiutare.

Per le misure inferiori ai 65 o superiori agli 80 millimetri è possibile acquistare il diaframma su internet all’indirizzo: https://medesign.decliccando su “ginecologia e pessari” e poi inserendo “diaphragma” nella finestra “cerca”; su questo sito tedesco è possibile procurarsi diaframmi “Omniflex” ossia i modelli che si trovavano anche in Italia fino a poco tempo fa e sono disponibili le misure comprese tra i 60 e i 95 millimetri.

Come è fatto

Il diaframma, che deve essere usato sempre con una gelatina spermicida, è di morbido silicone, ha la forma di una coppa poco profonda, con una molla flessibile attorno al bordo esterno ed una sporgenza da un lato della coppa per facilitarne l’estrazione dalla vagina. Quando si inserisce nel modo giusto si sistema comodamente dietro all’osso pubico e al fornice posteriore della vagina.

Come funziona

Quando il diaframma è in loco e comprime la gelatina contro il collo dell’utero, gli spermatozoi non possono risalire nel canale cervicale e quelli che superano il bordo del diaframma si imbattono nella gelatina che li blocca. Quelli che rimangono in vagina muoiono dopo otto ore perché la vagina è un ambiente per loro ostile. E’ possibile spalmare con spermicida la parte esterna del diaframma per contribuire a bloccare gli spermatozoi che rimangono in vagina. Non usate il diaframma senza spermicidi.

E’ importante ricordare che il diaframma non protegge in alcun modo dalle malattie a trasmissione sessuale.

Efficacia

L’efficacia teorica del diaframma è del 97% circa; l’efficacia reale, che è dell’85-90%, dipende dai seguenti fattori: efficacia dello spermicida, misura giusta e buona manutenzione del diaframma, uso appropriato e costante. Importante è usarlo ad ogni rapporto sessuale, inserirlo prima della penetrazione e spalmarlo ogni volta con un prodotto spermicida. Anche se usato correttamente l’indice di fallimento è del 2% circa.

Reversibilità

Il diaframma non interferisce sulla fecondità. Semplicemente non usatelo se volete rimanere incinte.

Sicurezza

Il diaframma è del tutto innocuo. Alcune donne temono che il diaframma scivoli in fondo alla vagina e scompaia ma conoscendo meglio la nostra anatomia, sappiamo che la vagina finisce a un pollice dal collo dell’utero e il diaframma non ha lo spazio per scomparire. Il diaframma è sconsigliato a chi non ama toccarsi i genitali o crede che le sarebbe difficile adattarsi ad usarlo poiché probabilmente finirebbe per non metterlo affatto al momento del rapporto sessuale.

Potreste sentirvi imbarazzate le prime volte che inserite il diaframma in vagina ma appena vi abituerete e prenderete confidenza con questa parte del corpo che vi appartiene dovreste superare ogni ostacolo. Nel caso in cui la gelatina dia irritazioni alla vagina o al pene potete usare una marca diversa.

Come usare il diaframma

Il diaframma diventa via via più facile da usare con la pratica. Molte donne lo inseriscono da sole, magari in bagno prima del rapporto cercando di rendere il tutto molto spontaneo, molte altre sono contente di usarlo con il partner e lo inseriscono durante i preliminari sessuali. Questa collaborazione sembra che funzioni meglio nelle coppie che stanno insieme da tempo, se la vostra è una coppia che si lascia trascinare dai sensi è preferibile inserirlo prima, comunque per la maggior parte delle donne coinvolgere il partner è un modo più divertente e meno gravoso di usarlo.

Il diaframma può essere inserito anche due ore prima del rapporto sessuale poiché le gelatine mantengono il loro potere spermicida per 3 ore, ma se avete un rapporto subito dopo l’inserimento il metodo è già efficace.

Mettete un po’ di gelatina nella coppa, spargetela intorno ai bordi, poi avvicinate i due lati della coppa premendo saldamente il bordo tra pollice e medio, quindi accoccolatevi, con la mano libera scostate le labbra della vagina e inserite il diaframma con la crema rivolta verso il collo dell’utero.

Spingete col dito indice il bordo che sta più in basso finché sentite che il diaframma è andato a posto, potrete accertarvene toccando il contorno del collo dell’utero attraverso la soffice coppa. Se è ben collocato né voi né il vostro compagno dovreste sentirlo. Non usate lubrificanti a base di olio (per es. vaselina) perché possono danneggiare il prodotto. Lasciate il diaframma inserito per almeno 6/8 ore dopo il rapporto sessuale in modo da eliminare tutti gli spermatozoi, lo si può tenere inserito fino a 24 ore. Se avete un altro rapporto dopo 3 ore dovrete aggiungere altra gelatina con un applicatore, aggiungetela all’esterno del diaframma lasciando il diaframma in loco.

Manutenzione e durata del prodotto

Lavate il diaframma con sapone neutro e acqua tiepida, risciacquatelo e asciugatelo accuratamente e riponetelo in un contenitore al riparo dalla luce. Non bollitelo. Controllate che non ci siano buchi guardandolo alla luce e tirando bene la calotta. Fatevi controllare la misura del diaframma ogni anno circa durante la visita ginecologica. Potreste avere bisogno di una nuova misura se perdete o acquistate più di 5 chili e dopo una gravidanza o un aborto. Il diaframma durerà anni se tenuto con cura.

Vantaggi

Nessun effetto collaterale o pericolo per la salute. Molto efficace se usato bene. Il diaframma va benissimo se volete avere rapporti sessuali durante le mestruazioni e non volete che il flusso mestruale complichi le cose infatti può contenere per alcune ore il sangue mestruale. Usare il diaframma può essere un modo per conoscere meglio il proprio corpo; se non avete familiarità con la vostra vagina, l’uso del diaframma vi aiuterà a capire com’è fatta.  A lungo andare più sarete a contatto col vostro corpo più godrete del rapporto sessuale. Inoltre il diaframma è un metodo sostenibile dal punto di vista ecologico.

Svantaggi

Va applicato poco prima del rapporto sessuale. Se voi e il vostro compagno pensate che il sesso debba essere assolutamente spontaneo, vi sembrerà un disturbo. Dovete ricordarvi di usarlo ogni volta, essere certe di non dimenticarvi di applicare lo spermicida ed essere sicure di averlo con voi quando ne avete bisogno.

Responsabilità

E’ la donna che si reca dal medico o in consultorio per iniziare ad usare il diaframma. In seguito la responsabilità può essere condivisa con il partner sebbene molte donne l’assumano interamente.

C.E.D. Centro Educazione Demografica Via Amedei 13 , 20123 Milano    www.consultorioced.it

Tel. 02 8057835 – 02 8690078     Mail: ced@cedassociazione.it13

Data creazione documento: 12/03/2019