Tumore al seno, l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce

Nel mese di ottobre si moltiplicano i messaggi e le iniziative a volte sensibilizzare il pubblico e mostrare sostegno e vicinanza alle donne colpite dal tumore al seno, la neoplasia più diffusa nel genere femminile.

Ed eccoci quindi a ricordarvi che nei nostri centri (Cemp, Ced, Cpd, Aied Bergamo e Aied Brescia) è sempre possibile fare una visita senologica in cui apprendere a conoscere il proprio seno, a partire dalla pratica dell’autopalpazione. Una pratica che ogni donna può agire da sé, con le proprie mani e senza bisogno di strumenti.

La diagnosi precoce del carcinoma mammario, infatti, è molto importante per l’efficacia delle cure.

In questo depliant a cura di Aied Bergamo trovate un riepilogo delle informazioni utili da sapere.


AIED BERGAMO

Via A. Maj, 16 (adiacenze stazione) – Bergamo
Tel. 035 232600 – cellulare: 3293305976 
Orari: dal lunedì al giovedì 9.00- 13.00 ; 15.00 – 19.00; Venerdì e sabato 9.00 – 12.00


AIED BRESCIA

Via Cefalonia n. 49 – Brescia
Tel. 030 220169, dal lunedì al venerdì, dalle ore 15 alle ore 19, per consulenze e prenotazioni.
Visite ostetriche in gravidanza e certificazioni IVG su appuntamento e con medico disponibile. Risposta entro 24 ore (no sabato e domenica).


CEMP

Via Eugenio Chiesa, 1 (adiacenze Palazzo di Giustizia) – Milano
Tel. 02-54102020. Numero per consulenze ostetrico-ginecologiche urgenti 347/9349470, dalle ore 9.00 alle ore 19.00

Apertura:

lunedì, mercoledì e venerdì 9.00 – 18.30
martedì 10.00 – 18.00
giovedì 15.00 – 18.30


CED

Via Amedei 13, 20123 Milano– Tel. 02/8690078 – 02/8057835. Numero per consulenze telefoniche urgenti negli orari di chiusura: 366 2053315
ced@cedassociazione.it
Lunedì dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 19,
Martedì Mercoledì Giovedì e Venerdì dalle
9 alle 19
Sabato mattina chiuso


CPD

Via Silvio Pellico 6, Milano. Tel. 02861145 
info@cpdonna.it
Aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 19 con orario continuato

La pillola del giorno dopo

La vendita della pillola del giorno dopo in farmacia senza ricetta è stata autorizzata anche per le minorenni. Lo comunica l’Agenzia italiana del farmaco con un comunicato del 10 ottobre 2020 che riportiamo integralmente.

Non sarà più necessario l’obbligo della prescrizione medica per dispensare alle minorenni ulipistral acetato (EllaOne), il farmaco utilizzato per la contraccezione di emergenza fino a cinque giorni dopo il rapporto. Lo ha stabilito l’Agenzia Italiana del Farmaco con la Determina n. 998 dello scorso 8 ottobre. 

«Si tratta di uno strumento altamente efficace per la contraccezione d’emergenza per le giovani che abbiano avuto un rapporto non protetto, entro i cinque giorni dal rapporto, – afferma il Direttore Generale di AIFA, Nicola Magrini – ed è anche, a mio avviso, uno strumento etico in quanto consente di evitare i momenti critici che di solito sono a carico solo delle ragazze. Voglio sottolineare che si tratta di contraccezione di emergenza e che non è un farmaco da utilizzare regolarmente». 

«Al momento dell’acquisto in farmacia – aggiunge Magrini – il farmaco sarà accompagnato da un foglio informativo che ha lo scopo di promuovere una contraccezione informata ed efficace ed evitare un uso inappropriato della contraccezione di emergenza. In questa ottica, AIFA svilupperà presto un sito ad hoc, con informazioni e indicazioni approfondite sulla contraccezione. La contraccezione, infatti, di cui la pillola anticoncezionale rappresenta una possibile opzione, consente a tutte le donne di programmare una gravidanza e, più in generale, la propria vita. Ricordo infine – conclude il Direttore Generale di AIFA – che il farmaco è dal 2017 nella lista dei farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per questa indicazione, come parte dei programmi di accesso ai farmaci contraccettivi, e che le gravidanze nelle teenager sono un importante indicatore di sviluppo di una società, che va tenuto ai minimi livelli». 

Si tratta di una svolta per la tutela della salute fisica e psicologica delle adolescenti. La maggior parte delle gravidanze adolescenziali, infatti, non sono pianificate e molte terminano con un aborto. L’evento nascita nelle adolescenti si accompagna spesso a situazioni di rischio, connesse sia alla difficoltà della giovane madre di accedere ai servizi materno-infantili, sia a una serie di problematiche di notevole portata sul piano interpersonale e psicologico: le madri adolescenti, infatti, hanno non solo meno probabilità di portare a termine gli studi e di conseguenza una minore possibilità di occupazione e di futuro inserimento nel mondo del lavoro, ma anche maggiori probabilità di crescere i propri figli da sole e in povertà. La gravidanza adolescenziale, inoltre, è associata a un più elevato rischio di morbosità/mortalità perinatale. 

Infatti, come evidenziato nel giugno 2020 nella Relazione al Parlamento del Ministro della Salute, secondo i dati 2018, «l’aumento dell’uso della contraccezione d’emergenza – levonorgestrel (Norlevo), la “pillola del giorno dopo”, e ulipistral acetato (EllaOne), la “pillola dei 5 giorni dopo” – ha inciso positivamente sulla riduzione delle interruzioni volontarie di gravidanza (IVG), che è in continua e progressiva diminuzione dal 1983». Eliminare l’obbligo di ricetta per la contraccezione di emergenza per le minorenni intende favorire, dunque, il raggiungimento dell’ambiziosa meta della riduzione del tasso di concepimento sotto i 18 anni nel quadro di miglioramento, in particolare, della salute sessuale delle adolescenti e, più in generale, della salute pubblica.

Tecniche di procreazione medicalmente assistita. La ginecologa risponde

Laura Sacchi, ginecologa specialista in fertilità di coppia
Istituto clinico Humanitas di Rozzano (Fertility center)
Consultorio CPD Milano

  1. Tecniche di procreazione medicalmente assistita, di primo e secondo livello. Come funzionano?
  2. Che cosa è possibile fare in Italia?
    Omologa, eterologa, social freezing
  3. Perché si chiama social freezing?
  4. A partire da che età si riduce la fertilità di una donna?
  5. Che cosa è la “competenza ovocitaria” e che relazione c’è con la possibilità di avere anomalie cromosomiche?
  6. Congelamento degli ovociti: dove si fa e quanto costa?
  7. Perché molte coppie vanno all’estero per la fecondazione eterologa?
  8. Le donne che cedono i propri oviciti in Spagna ricevono un rimborso. In Italia?
  9. La fecondazione eterologa in Italia tra pubblico e privato: come funziona?
  10. Come funziona per la fecondazione eterologa maschile, cioè con spermatozoi di donatori?
  11. Quali sono i rischi per la salute delle donne e per il feto?
  12. Alla ricerca di informazioni! Quali strade seguire?
  13. Quali sono i rischi dell’informazione fai-da-te?
  14. Che cos’è la diagnosi pre-impianto?
  15. La diagnosi pre-impianto viene effettuata in tutti i centri?
  16. Quali sono le paure più frequenti tra le pazienti? Quali aspettative non corrispondenti alla realtà?
  17. Quali consigli possiamo dare nella scelta dello/della specialista?

CEMP – Counselling nutrizionale

GIORNATA DEDICATA AL COUNSELLING NUTRIZIONALE

Sabato 30 novembre 2019. Dalle ore 9 alle ore 12 sarà presente al CEMP la Dr.ssa ALESSANDRA BOSETTI, dietista clinica dell’Ospedale Buzzi.

La Dr.ssa Bosetti riceve adulti ed adolescenti che vogliano ottenere una valutazione sul proprio stato nutrizionale e, in caso di necessità, un programma alimentare personalizzato, previa l’esecuzione di alcuni specifici esami.

Il costo della visita è di 65 euro.

Per informazioni o prenotazioni vi invitiamo a contattare la segreteria CEMP al numero 02.54102020

– lunedì, martedì e venerdì orario continuato dalle 9 alle 18:30

– mercoledì dalle 9 alle 18

– giovedì dalle 9 alle 12:30 e dalle 15 alle 18:30

CEMP CONSULTORIO FAMILIARE COOPERATIVA SOCIALE
Via Eugenio Chiesa, 1 – 20122 Milano
tel: 02.54102020
fax: 02.55188588
www.consultoriocemp.org